Magedok 2K Monitor 13.3“ Recensione

Credo profondamente che in quanto a produttività avere due o più schermi collegati al PC sia un fattore fondamentale. Apprezzo sia l’idea di avere più monitor di uguale dimensione, ciascuno dedicato a una particolare attività, ma non disdegno anche quella di averne uno principale su cui concentrarmi e uno secondario per tutto il resto: dal pannello di Spotify per cambiare canzone, alla chat di Whatsapp.

Siccome ho cambiato scrivania di recente, e lo spazio si è drasticamente ridotto, ho dovuto trovare un’alternativa alla mia fedelissima coppia da 24″ Full HD che mi ha accompagnato per anni. L’unica soluzione era affiancare a un singolo monitor uno più piccolo a lato, massimo di 13-15 pollici.

Ravanando su Amazon.it, ho trovato con grande piacere che la selezione in questa categoria ero tutto fuorchè sguarnita. Questo perché c’è un florilegio di alternative per il multiscreen notebook che si possono connettere al PC in tantissime maniere diverse, come HDMI o USB-C. Alcuni sono touchscreen, altri no, e vanno sostanzialmente dai 10″ ai 15″ e hanno una risoluzione che varia dall’HD 1280×720, fino al 4K.

Magedok 2k, forse la soluzione?

Sono stato attirato dalle buone recensioni e specifiche del Magedok 2K da 13,3″ e l’ho dunque preso.

In pochissimi giorni, secondo le tempistiche di Amazon, ho ricevuto il pacco. L’imballaggio non era dei migliori, ma la scatola in cui era contenuto lo schermo è stata sufficientemente solida da resistere agli urti che evidentemente aveva preso. Il prodotto è arrivato senza alcun graffio.

Confezionamento

La confezione contiene poi un cavo di “alimentazione” USB-A a USB-C, che non è sufficiente per trasmettere il solo segnale video, un cavo HDMI 2.0 e un supporto molto leggero in metallo, su cui si può appoggiare il Magedok.
Per sfruttare le potenzialità dell’USB 3.1 e utilizzare un solo cavo è necessario comprare a parte un connettore USB-C USB-C e così abbiamo fatto.

Il tutto è totalmente Plug and Play e Windows 10 ha riconosciuto subito il dispositivo adattando la risoluzione senza il minimo problema. La nitidezza è uno dei punti forti di questo dispositivo che fa vanto della risoluzione 2K (2560×1440) sfoggiando una leggibilità dei testi invidiabile, nonostante le piccole dimensioni. Il pannello IPS ha un’ottima resa dei colori, non certo pensata per un utilizzo professionale, ma tutto fuorché sfalsata. Anche l’uniformità della retroilluminazione è molto buona e non ci sono né macchie né angoli deboli evidenti.

Magedock 13,3 Recensione

La struttura che contiene lo schermo vero e proprio è abbastanza solida, spessa a sufficienza da non piegarsi in uno zaino, ma non da appesantirlo. Si può agilmente utilizzare il Magedok in portabilità, aumentando a dismisura la portabilità anche durante le trasferte lavorative. Accompagnato a un MacBook o a un ultrabook da 13,3″ è la morte sua.

C’è anche la porta per le cuffie e delle casse minuscole, ma le ultime sembrano essere presenti giusto per segnarlo nelle specifiche. Un po’ come lo è anche l’HDR che spara luminosità e colori alle stelle, finendo con il creare più problemi che benefici all’immagine.

Per i più smanettoni, il monitor non latita delle impostazioni di configurazione dell’immagine sufficientemente dettagliate per trarre il meglio dal bilanciamento di colori e gamma. I parametri si modificano agilmente con i 4 tasti presenti sul lato destro dello schermo.

Conclusioni

Lo schermo da 13,3″ Magedok 2K Monitor, al prezzo di € 159,00 vale la spesa. Ci si porta difatti a casa un prodotto solido, ben realizzato, con pochi difetti e che può essere utilizzato sia a casa e sia in mobilità per qualunque tipo di utilizzo. Si può collegare al fisso di casa, al proprio portatile in vacanza, alla console, tutto senza necessitare di una presa di corrente dedicata e raggiungendo una qualità dell’immagine di tutto rispetto. Altoparlanti e HDR ci sono sembrati sottotono e giusto uno specchietto per le allodole per chi vuole avere tutto, ma per fortuna sono due aspetti che non intaccano più di tanto l’utilizzo. O meglio, se avete bisogno di uno schermo di questo tipo, difficilmente lo utilizzerete in condizioni da non poter fare a meno sia di un buon audio (che potete ottenere invece con le cuffie o delle casse esterne) sia dello sfizio dell’HDR.

Lascia un commento